MASTERCLASS | Mozart e Il Flauto magico, una favola tra luci e ombre

Mozart e Il Flauto magico, una favola tra luci e ombre

“Ha in suo potere luce e ombra: ma la sua luce non offende mai, e la sua tenebra lascia vedere ancora chiari i contorni”

(Ferruccio Busoni)

 

Die Zauberflöte è l’opera più famosa di Mozart e una delle più amate di tutto il repertorio operistico. Generazioni di spettatori sono stati affascinati dalle melodie e dalle avventure di Papageno, la Regina della Notte, Tamino e Pamina, dalle prove affrontate dai giovani amanti e dalla inesauribile profondità allegorica di un’opera misteriosa che si presta a molteplici interpretazioni. Fiaba per bambini, racconto massonico, storia illuminista e razionale, ma anche storia di morte e rinascita, di magia e realtà, Il flauto magico è un prisma che racchiude significati infiniti e suggerisce letture differenti, a seconda di come e chi lo guarda.

Perfetto, dunque, perché diventi l’oggetto di conoscenza, apprendimento per ragazzi e adulti.

Salvatore Francavilla

Direttore di Coro, Direttore d’Orchestra, Docente di Pianoforte

Salvatore Francavilla, si diploma in Pianoforte con il massimo dei voti presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro sotto la guida del M° Giuseppe Di Chiara e successivamente presso lo stesso istituto in Musica corale, Direzione di Coro con il  M° Michele Mangani e in Direzione d’Orchestra con il M° Manlio Benzi.

Si perfeziona in Direzione d’Orchestra con i maestri Julius Kalmar (Milano, settembre 1998 – giugno 1999) Bruno Rigacci (Orvieto, luglio – agosto 1999) e Christoph Rehli (Camerino, settembre 2003).

Ha diretto l’Orchestra Sinfonica Rossini (Pesaro), Orchestra Giovanile Italo-Slovena (Camerino), Orchestra Giovanile  dell’istituto musicale  Pergolesi (Ancona), Orchestra da camera Ven. Confraternitas Suffragii (Fano) e la formazione cameristica dell’International Opera Studio (Pesaro) con cui collabora come Direttore d’orchestra dal 2014.

Ha diretto Orfeo ed Euridice di C. Gluck, Mitridate, re di Ponto di W. A. Mozart, I Capuleti e i Montecchi di V. Bellini, Il flauto magico di W. A. Mozart, Stabat Mater di G. B. Pergolesi, Petite messe solennelle di G. Rossini, Stabat Mater di G. Rossini, Le sette Parole di Cristo sulla croce di F. J. Haydn, Missa in tempore belli di F.J. Haydn, Messa in Do maggiore K66 di W. A. Mozart, Requiem di W. A. Mozart,  Messa solenne di l. Vierne, Magnificat di J. Rutter, Gloria di J. Rutter.

Dal 2007 ad oggi è Direttore stabile del Coro San Carlo di Pesaro (fondato nel 1982) con il quale svolge numerosi concerti in Italia e all’estero. Il Coro San Carlo, insieme  all’Orchestra Sinfonica Rossini, si è esibito in due occasioni con Andrea Bocelli presso Lajatico (2015) e all’Expo di Milano (2016), concerto  diretto da Zubin Metha e trasmesso su Canale5.

Nella edizione 2014 del Rossini Opera Festival è stato maestro del Coro  nell’opera Il Barbiere di Siviglia.

Dal 2001 al 2009 è stato maestro collaboratore, pianista, direttore musicale di palcoscenico, maestro sostituto,  presso il teatro Sferisterio di Macerata, il Teatro delle Muse di Ancona, Teatro della Fortuna di Fano, Teatro Comunale di Atri e Teramo, Teatro Bonci di Cesena. In questi anni ha lavorato con i più grandi artisti (cantanti, registi e direttori) del panorama lirico nazionale ed internazionale.

È stato membro di giuria in Concorsi lirici/strumentali nazionali ed internazionali tra cui il Concorso Internazionale Città di Pesaro. Dal 2001 al 2003 è stato docente di Teoria e solfeggio presso l’Istituto pareggiato Pergolesi di Ancona.

Dal 2009 è docente di Pianoforte di ruolo e Direttore dell’Orchestra giovanile dell’Istituto Comprensivo ad Indirizzo musicale Gaudiano di Pesaro.

Alla guida dell’Orchestra giovanile dell’Istituto Gaudiano di Pesaro ha ottenuto il Primo Premio Assoluto (100/100) al Concorso Musicale Nazionale di Ostuni (2018); il Terzo Premio al Concorso Internazionale Città di Pesaro (2018); il Secondo Premio al Concorso Musicale Nazionale di Ischia (2016).